L’odore del sesso

“L’odore del sesso” è il titolo di una nota canzone di Ligabue che, pur non essendo fan del cantautore, apprezzo particolarmente. Come sempre ribadisco, la mia anima è rock e amo questo genere musicale in ogni declinazione, dalle ballate all’hard, perfino nell’espressione heavy metal. Quando ascolto la hit in questione, qualcosa mi tocca nel profondo e mi chiedo quale odore abbia il sesso, quanto potere abbia l’olfatto come veicolo di emozioni. La pelle dell’altro, il sudore, gli umori che l’eros sa produrre come prova del suo ingresso nell’interazione tra amanti, rendono unico ogni “cocktail”. A volte, dopo un incontro, ho evitato appositamente di lavarmi subito, per conservare addosso l’afrore, la traccia olfattiva del mio amante, provando a prolungare l’abbraccio oltre la separazione. Ligabue canta che l’odore del sesso rimanga addosso e non se ne vada più, il che metaforicamente è vero, ed è altresì vero che sia complicato distinguere dall’amore un’attrazione erotica forte, una sbandata passionale, un richiamo animalesco tanto potente da offuscare il resto, relegando sullo sfondo ogni altra presenza e dominando ogni pensiero. Canta di letti sfatti, lenzuola spiegazzate e aria densa… costringendo a rievocare spezzoni di vita vissuta o celebrando situazioni attuali. È una canzone nostalgica ed eccitante, calda e dolente. E il “mischiarsi la pelle, le anime e le ossa”, quando poi alla fine ognuno riprende le sue, è sempre una magia. Forse l’unica.odore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...